Allenamento Indoor: Tri60 Milano

Il 3 Febbraio di quest’anno ho partecipato all’inagurazione di Tri60, la nuova struttura dedicata all’allenamento Indoor per il triathlon (e per altri sport endurance, come nuoto, bici e corsa).

Purtroppo per l’occasione non ho potuto provare degnamente la struttura perché avevo ancora il braccio immobilizzato per la lussazione di qualche giorno prima: ne ho approfittato per parlare a lungo con i soci fondatori.

E per fare una foto con Daniel Fontana per cui ho fatto il tifo per anni quando il triathlon era ancora un mondo sconosciuto ai più!

E mi sono fatta accompagnare dal marito che ha testato per me in particolare la endless pool, “accessoriata” per quella mattina con un trainer d’eccezione: Daniel Fontana.

A prima vista la struttura è davvero accogliente: l’area running e allenamento funzionale è posizionata proprio alle spalle dell’accoglienza, mentre la endless pool e la zona cycling sono una di fronte all’altra e sono entrambe dotate di sala con vetrata trasparente.

La sensazione è quella di entrare nel paradiso del triathleta… e vado a spiegarvi il perché!

Nuota in mare aperto… dentro la piscina

La endless pool simula in modo molto accurato la nuotata in acque libere. Infatti grazie al flusso di corrente contrario permette di nuotare senza interruzioni come se si fosse in mare aperto.

SKILLY_LR-0309

L’intensità del flusso di corrente può essere regolato a seconda delle esigenze di chi nuota, permettendo un allenamento regolare e soprattutto mirato sulle capacità del nuotatore.

Immagine GIF-D774F66E8C61-1

Sul fondo e sul fronte inoltre sono posizionati due specchi che rendono semplicissimo vedere e correggere le posizioni della mano e del braccio nell’estensione della bracciat

Per me che a nuoto sono un sasso che tenta ti galleggiare, l’aspetto più positivo rimane la presenza ravvicinata dell’allenatore che, posizionandosi di fronte all’atleta, può correggerlo anche fisicamente toccandolo e sistemandolo.

Simone, che per altro a differenza della sottoscritta, è un eccellente nuotatore, ha avuto modo di testare la endless pool e Daniel Fontana gli ha dato alcuni consigli utili sull’allungamento della bracciata.

 

Prendi una bici…

La sala indoor cycling è davvero incredible: dotata di bici Trek su ciclomulini Elite di ultima generazione e di un maxischermo per seguire in tempo reale la propria performance.

Sala spinning

L’intero allenamento, mi spiega Paolo Barbera (uno dei soci e dei trainer) è tarato sulle soglie di potenza e frequenza cardiaca di ogni atleta (che possono essere misurate anche in loco grazie ai misuratori di potenza Garmin Vector). Una volta impostato il nostro personale “viaggio” al resto ci pensa il software.

Durante la sessione di allenamento, sul maxischermo di fronte ai ciclisti appaiono i parametri della prestazione.

Sembra tutto molto tecnico, ma poi scopro che non solo gli atleti in sala ingaggiano una sfida senza quartiere fra di loro, ma che in alcune sessioni si simulano anche porzioni di gare o di tappe del giro… Dico a Paolo che la prossima volta che organizzano un tappone dolomitico voglio assolutamente esserci!

SKILLY_LR-0200E se proprio siete dei fanatici, potete anche portarvi la vostra bici! Alla Tri60 vi forniranno il ciclomulino.

Non chiamatelo Tapis Roulant

Il nome è Skillrun Technogym! Ed è il nuovo strumento per la corsa indoor di Technogym!

IMG_0157

E io che il treadmill, come lo chiamano gli americani, simpaticamente lo detesto, devo dire che sono rimasta comunque affascinata dal nuovo Skillrun che assomiglia più ad una navicella spaziale che a un normale tappeto da corsa.

Soprattutto stupisce il quantitativo di esercizi vari che si possono fare per migliorare le famous four: potenza, velocità, agilità e resistenza.

Esiste un esercizio chiamato parachute training, che simula la sensazione della corsa all’aperto con un paracadute, con una resistenza che gradatamente aumenta proporzionalmente con la velocità.

SKILLY_LR-0260

Sembra essere l’ideale per allenare velocità e resistenza.

 Functional o non Functional…

Lo so, sono una triathleta all’antica, e so anche che un allenamento corretto ed efficace dovrebbe integrare anche sessioni funzionali per migliorare flessibilità e potenza… ma sono pigra e mi diverto solo quando produco endorfine.

Detto che non dovete imitarmi, la zona functional di Tri60 è accessoriata con la postazione Omnia di Tecnogym che, obiettivamente, è davvero bella.

SKILLY_LR-0514

Tri60 offre sia sessioni personali che di gruppo e, importantissimo, Omnia è dotata anche di tutti gli attrezzi per la riabilitazione post infortunio.

Insomma spero abbiate capito perché un triathleta che vive a Milano non possa prescindere, almeno, dal provare Tri60.

Mi sento anche di consigliarvi una chiacchierata con Paolo, che è un ottimo allenatore, di quelli che io definisco della vecchia scuola. Pochi fronzoli, molta concretezza e soprattutto la serietà di commisurare la preparazione all’atleta che si appresta ad allenare. Insomma non vi proporrà sedute assurde “da pro” se non avete mai fatto neanche uno sprint.

 Buon allenamento indoor a tutti! 

IMG_0154

 

Annunci

Un pensiero su “Allenamento Indoor: Tri60 Milano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...